Quel momento che..

-Quel momento che “hai controllato il lievito madre”?
-Quel momento che “ma hai pesato tutto correttamente”?
-Quel momento che “senti che profumo oh?!”
-Quel momento che “Fallo girare ancora, che l’elasticità è importante!”

20131225-084108.jpg

-Quel momento che “quest’anno le arance sono troppo buone”
-Quel momento che “tira fuori gli stampi”
-Quel momento che “Mi raccomando 500 gr giusti!!”
-Quel momento che “la camera di lievitazione a 28 gradi”
-Quel momento che “Stanno spingendo!!”
-Quel momento che “la valvola del forno deve essere chiusa!”
-Quel momento che “Ho sbagliato tutto…”
-Quel momento che “ma che dici sono come dei funghi! Non lo vedi?”
-Quel momento che…. Sei davanti al forno.
-Quel momento che “Mamma mia che Roba!”
-Quel momento che.. “Preparati che sforniamo!!”
-Quel momento che “la glassa sembra perfetta”
-Quel momento che.. “Ma lo senti o no che profumo?”

20131225-084803.jpg

-Quel momento che….
Buon Natale a tutti voi che passate di qua a sbirciare..

-Quel momento che..”no…Che buono!!”

20131225-085026.jpg

Post
Scritto ascoltando: The black keys

AAA Attenzione

Per la prima volta uso il blog come una bacheca.. Vediamo:

Siamo alla ricerca di un commis pasticcere/a per il nostro team.
Requisiti fondamentali la voglia di confronto continuo, una passione assolutamente folle per la pasticceria e la voglia di essere un team player.

Se siete interessati oppure vi fa piacere spargere la voce via social network vi ringrazio in anticipo.

Il nostro indirizzo e-mail è: cucina@enotecapinchiorri.com

Grazie! 😉

20131220-220614.jpg

Il colore vero

Perché la pasta di pistacchio, quella vera, quella fatta in casa, deve essere verde verde verdissima?
Forse perché pensiamo che un colore più intenso o più carino all’occhio sia più stimolante.

20131211-201420.jpg

La pasta di pistacchi che prepariamo in casa la otteniamo dai pistacchi di Corrado Assenza, direttamente da Noto, in Sicilia.
Adoro questi pistacchi perché oltre al fatto che non arrivano già pelati, racchiudono tutta la loro essenza, quella aromatica della buccia, dolce e delicata del frutto.

La Pasta la prepariamo tostando i pistacchi a una temperatura molto dolce in forno, intorno ai 160 gradi per 15 minuti o fino a che raggiungono una colorazione piuttosto dorata.
Successivamente aggiungiamo una percentuale di olio d’oliva (intorno al 15% del peso totale) e frulliamo tutto nel bimby fino ad ottenere una consistenza liscia e cremosa.

Ganache al Pistacchio:

300 gr di panna Fresca
50 gr di zucchero invertito
235 gr di cioccolato bianco Ivoire
250 gr di Pasta di pistacchio
50 gr di burro chiarificato
50 gr di olio extra-vergine
Buccia di 1 Limone.

1. Sciogliere il cioccolato bianco nel microonde a una temperatura di 45 gradi approx.
2. Scaldare la panna con lo zucchero invertito.
3. Emulsionare la panna calda con il cioccolato con una spatola e successivamente aggiungere la pasta di pistacchio.
4. Aggiungere il burro chiarificato e successivamente l’olio.
5. Mescolare fino ad ottenere una emulsione elastica e lucida.
6. Utilizzare la Ganache a 13 gradi.

Mi piace il colore vero degli ingredienti.

20131211-202904.jpg

20131211-202927.jpg

Post scritto ascoltando: Tame Impala- Lonerism