Un pensiero

Un piccolo pensiero questo pomeriggio tra 100 prove: una nuova idea di millefoglie.

20121121-170159.jpg

No pasta sfoglia- No burro- No farina-

20121121-170332.jpg

Post scritto ascoltando: Deftones- Koi No Yokan

Annunci

Acqua e farina

20121107-090907.jpg

Mio nonno era panettiere. La sua è ancora oggi una famiglia di panettieri, che si passa il testimone di generazione in generazione, a Trani, la città dove sono nato.

Quando andò in pensione, mi Ricordo che ogni mattina uscivo con lui per andare al mercato a fare la spesa, passavamo dalla panetteria di suo fratello per comprare il pane, e fare due chiacchiere su famiglia,farine, forni e lieviti.

Il forno della sua panetteria era enorme, un forno da incasso a legna alto più di 5 metri, con almeno 6 scomparti e che sputava fuori un calore insano.
Era la panetteria di 25 anni fa, quella delle impastatrici tuffanti da 1 tonnellata, quella dei forni rigorosamente a legna, quella del sacrificio. Quello vero.

Mia nonna aveva un gastronomia, vendeva il suo pane e si vedevano poco.
I suoi figli (mia madre e i miei 2 zii) lavoravano per la gastronomia della nonna e per la panetteria del nonno e avevano 13 anni.
Tutta la famiglia era assorbita da quel lavoro, da quel sacrificio che li univa sempre di più.
Trani era ed è una città dove tutti si conoscono, tutti sanno tutto e tutti hanno rispetto della gente che lavora.

Quando mio nonno più di 30 anni fa comprò la sua casa in campagna (che è quella dove tuttora vive la mia famiglia) decise che voleva un forno a legna.
Lui e Suo cognato lo costruirono in un angolo mite, con strati di cenere, pietra lavica e mattoni refrattari con una canna fumaria alta con un diametro di 30 cm.
Era il suo forno e lì ci cuoceva il pane, quello per la sua famiglia, per noi.

20121107-092544.jpg

Forse è per questo che ho deciso di fare quello che faccio oggi, forse il senso del sacrificio, lo studio, sentire la materia e nutrire rispetto per essa, la voglia di fare e fare, il senso dell’essere lontano da casa, ma di sentire sempre il calore dei familiari, me lo ha trasmesso indirettamente mio nonno, e non so esattamente se lui volesse davvero farlo.
Ma forse le casualità sono solo conseguenze delle nostre azioni.

All’enoteca produciamo il nostro pane, abbiamo una varietà molto ampia ma molte volte mi chiedo se tutto questo basta oppure no.
La domanda che mi pongo sempre di più è:
Cosa serve oggi al panettiere?

– Entusiasmo
– Materia prima
– Conoscenza
– Lievito madre.
– Tempo
– Romanticismo

20121107-094045.jpg

Il lievito madre, massa viva, il vero ingrediente, senza non potremo produrre.
Riflettevo sul senso del pane nei ristoranti e pensavo che il pane viene sempre servito per primo e quasi mai caldo.

Più di 2 anni fa abbiamo iniziato una massa madre con farina, acqua e mele.
L’abbiamo curata, bagnata, rinfrescata fino ad ottenere un lievito madre tutto naturale con unaforza di batteri lattici incredibile.
L’idea era di chiudere un cerchio, iniziare da una mela e finire con una mela.
L’impasto è quello di un pane di campagna, che rimane molto elastico e permette una lievitazione lunga 12 ore a temperatura controllata senza subire troppo.

Lo cuociamo in un cestino di legno nel nostro forno refrattato per dare rusticità e crosta.
Questo pane viene servito al cliente ancora caldo, il cliente lo spezza con le sue mani e spalma una pasta pura di mele golden che usiamo come accompagnamento.

20121107-095240.jpg

20121107-095305.jpg

Il gesto primordiale, la gestualità, la convivialitá familiare di spezzare un pane a tavola, questo si sta perdendo tra panini semilavorati, congelati e mal fatti.
Fare il pane è un atto romantico, io me ne ricordo sempre, perché è anche per questo che faccio il pasticcere.
Siamo il Risultato di una società che va veloce verso il futuro, ma che accantona le radici per poca voglia di fare.

Ecco cosa vorrei: una sedia.
Una sedia per aspettare, una sedia per osservare gli impasti, una sedia per poter riposare, una sedia per poter pensare e riflettere.
Il tempo.

20121107-095809.jpg

Lavorare massa viva ha dei parametri, questi sono quelli a cui io faccio riferimento, e quelli che mi hanno trasmesso:
Cambi di umore, cambi di clima, mollica umida, alveoli irregolari, crosta liscia e croccante, buona relazione peso e forma, buon aroma e conservazione, colore uniforme, tempo di impasto lungo e lento.

20121107-100343.jpg

Le nostre mani possono fare cose meravigliose, la sacralità del lavoro e il sacrificio sono elementi che oggi sono diventati merce rara.
Non denuncio nessuno, mi sto solo limitando ad analizzare.

Fare il pane, il mestiere più antico del mondo.
Il mestiere più nobile del mondo, e in questo mio nonno, era un re.

20121107-100707.jpg

20121107-101100.jpg