San sebastian? Gastronomika.







Di fronte a quella che chiamano crisi dei congressi di gastronomia, i rispettivi organizzatori cercano di trovare nuove formule che possano colpire il pubblico, e’ il caso del nuovo congresso San Sebastian gastronomika, al suo primo anno, dopo la marcia di rafael garcia santos che ,con il suo Lo mejor de la gastronomia, e’ volato ad alicante, con una formula piu’ popolare, attenta al contatto diretto cuoco/ pubblico e come sempre fastoso e sempre piu’ Disneyland.

La novita’ piu’ importante e’ stata proprio quella di inserire nello scenario una cucina perfettamente equipaggiata che, simbolicamente, ritorna a mettere il cuoco e la cucina( quella fatta davanti al pubblico) al centro dell’attenzione, una scelta importante, perche’, la barriera tra la cucina e la sala e’ sempre piu’ sottile,ogni giorno che passa, e perche’ la gente, il cliente, vuole proprio vedere l’arte del cuoco che e’ quella di manipolare l’alimento prima di degustarlo.

Il congresso e’ stato ospitato, come sempre, nel palacio kursaal, una spettacolare opera architettonica di Rafael Moneo,proprio sul mar cantabrico, che ha deciso di costruire 2 cubi di vetro traslucido come due rocce sul mare per, cercare di sottolineare l’ armonia tra il naturale e l’artificiale.

Il congresso e’ stato sicuramente un successo, 68 stelle michelin riunite per discutere sul futuro della cucina, del rapporto con la natura e sulle influenze orientali nell’ alta cucina,il tutto guidato da un comite’ tecnico di altissimo livello: Arzak,Aduriz,Berasategui,Subijana,Arguinano hanno convertito di nuovo la citta’ in capitale gastronomica mondiale per 1 settimana.

Novita’ e’ stato il fatto di aver dedicato una giornata intera alla cucina giapponese, con i piu’ grandi chef che hanno mostrato il lato tecnico e sensibile di questa cucina sempre piu’ ricca di innovazioni che vengono dalla antichita’ e dalla storia.

Commovente la lezione di Hiroshi Ishida, chef e proprietario del ristorante Mibu a ginza, Tokyo, un ristorante unico al mondo, perche’?

Perche’ e’ un ristorante privato, dove c’e’ solo un tavolo…da otto persone,e dove ogni giorno ,quest’uomo, prepara un menu diverso, a seconda di quello che il mercato offre,un menu’ unico, che non si ripete mai durante l’anno,che fanno si che questo sia il piu’ alto referente della cucina tradizionale e cerimoniale a tokyo, sua moglie in sala, emoziona spiegando e giustificando la scelta di ogni singolo ingrediente.Incredibile.

Durante il congresso si aspettava la presentazione della michelin 2010 in spagna, i miei piu’ sentiti complimenti, direttamente da questo umile blog, ai fratelli roca, del ristorante el celler de can roca a girona che hanno meritatamente ricevuto la terza stella in questa edizione, un grande risultato, un oscar alla grande traiettoria professionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...